giovedì 11 settembre 2014

IL SERVITORE

Issa si convertì alla nuova religione a dodici anni, gli emissari erano stati compassionevoli e molto convincenti, tuttavia la gente del villaggio continuava a rivolgersi all'uomo medicina e soprattutto allo stregone; la nuova religione predicava una benevola tolleranza nei riguardi dei vicini di casa e degli abitanti del vicino villaggio anche se ogni anno diversi giovani morivano in scontri feroci per i furti di bestiame subiti, o perpetrati.


Ogniqualvolta passava davanti alla capanna dello stregone un brivido gli correva lungo la schiena e più di una volta aveva sentito gli occhi, di quell'uomo anziano e schivo che lo fissavano, una sensazione che gli dava fastidio.


Quella mattina stava portando le capre al pascolo quando passando davanti alla capanna dell'anziano venne chiamato per nome da una voce cavernosa, si sentì totalmente costretto ad avvicinarsi alla capanna, lì, davanti a quell'uomo che reputava cattivo quanto l'angelo caduto della nuova religione fu invitato a sedersi.


"So che la nuova religione ha avuto molta presa sulla gente del villaggio, tu cosa ne pensi?"


Il ragazzino rispose che la riteneva giusta, buona e portatrice di pace, il vecchio gli rispose ridendo che una religione non poteva essere buona, perchè aveva avuto bisogno di un giuramento il che significava che il vincolo era certamente utile soprattutto agli emissari; il concetto fu chiarissimo al giovane che chiese all'anziano del perchè questi uomini avessero bisogno di così tante conversioni, si stavano preparando per combattere una guerra?, "si" rispose secco lo stregone, "una guerra molto simile a quelle che combattiamo con quelli del villaggio vicino, loro ci rubano le capre, ma anche noi lo facciamo, gli emissari ed altri che non conosco si stanno rubando le anime", il giovane non aveva ben chiaro il concetto di anima, ma gli avevano detto fosse qualcosa che quando si moriva andava da qualche altra parte per essere pregata dai vivi, ma la spiegazione gli era sembrata molto confusa.


Lo stregone fece avvicinare il ragazzo, lo guardò a lungo negli occhi, poi gli parlò con tono fermo "dovrai portare qualcosa della tua gente in un lungo viaggio ed usarla in un paese lontano, da oggi verrai da me tutti i giorni prima di portare le capre al pascolo”.


La mattina dopo  Issa si recò presso la capanna dello stregone, lo trovò seduto davanti ad una piccola pentola di terracotta e stava mescolando qualcosa, si rivolse ad Issa con fare perentorio "mastica finchè te lo dico io e poi sputa", il ragazzo obbedì l'erba era amarissima, ma continuò a masticare "ora succhia la poltiglia e poi sputala", Issa lo fece e sentì le ginocchia cedergli di colpo, si rese conto che lo stregone lo stava ponendo su di una stuoia poi fu catapultato in un posto che non conosceva, era in una città enorme, le case erano fatte di pietra bianca od erano colorate, i tetti erano rossi, e lui si sentiva un uccello che volava sopra la testa della gente, c'erano tanti bianchi come gli emissari e ad un tratto vide una persona con la pelle nera con i capelli bianchi che scendeva da una grande auto nera, indossava uno strano abito subito dopo si accorse che LUI stava scendendo dall'auto e che stava per entrare in una grande porta di legno sulla cui soglia due persone lo stavano attendendo.

Si svegliò che stava malissimo, i conati di vomito lo squassavano tutto, ci volle tempo prima che Issa potesse parlare, ma il vecchio stregone gli disse che doveva andare a pascolare le capre, di non parlarne con i suoi genitori o con gli emissari e di tornare da lui il giorno dopo.


Il ragazzo pensò tutto il giorno a quanto gli era accaduto, a metà mattina tentò di mangiare qualcosa che si era portato nella bisaccia, ma lo vomitò subito, aveva sete, e bevve tutta la fiaschetta che aveva con se, tornando a casa ripassando davanti alla tenda dello stregone vi sbirciò dentro, ma il vecchio non c'era, durante la notte fece strani sogni di luoghi incredibili.


La mattina dopo Issa trovò il vecchio seduto ad aspettarlo, si fece spiegare cosa avesse visto nel suo viaggio e cosa avesse sognato durante la notte, il ragazzo fece fatica a rendere chiaro cosa avesse visto, ed i sogni erano confusi, cosi strani per lui, ma alla fine del racconto il vecchio gli disse che quello che aveva visto era il suo futuro e che in quella città fatta di pietre lui avrebbe portato la magia del suo popolo affinchè non scomparisse "cosa dovrò fare con la magia?" chiese Issa "cose che non puoi nemmeno immaginare, ci sarà un giorno in cui potrai comandare un esercito di anime che lotteranno per te contro i tuoi nemici", Issa non capiva, ma sentiva chiaramente che quello era il suo futuro, il destino che lo attendeva.


La sera stessa lo stregone parlò ai genitori del ragazzo, lo fece con toni perentori, non ammise alcuna replica e non si voltò neppure quando la madre del ragazzo in lacrime cercò di trattenerlo.


Il ragazzo entrò a far parte del progetto di formazione nella grande capitale della sua nazione, furono gli emissaari a portarlo in auto, era stato il vecchio stregone a fargli seguire questa via, e lui era andato dagli uomini bianchi della emissione dicendo loro che avrebbe voluto diventare uno di loro e he avrebbe voluto studiare e diventare il rappresentante della propria gente, come previsto dallo stregone le porte del collegio formativo gli si schiusero con grande facilità.


Il nuovo dio che aveva giurato di seguire era buono e magnanimo, ma la sofferenza esisteva anche nelle belle grandi città di pietra ed anche se le persone morivano da vecchie le loro malattie davano le stesse sofferenze di cui pativa il suo popolo, Issa si chiedeva perchè questo dio non potesse far vivere più a lungo la gente, perchè la gente dovesse continuare a morire senza poter vedere i figli dei propri nipoti, ma col tempo il ragazzo che proveniva da un villaggio dove le capanne erano fatte di fango e paglia capì che la nuova religione era vicino alla gente solo per poterne disporre in maniera non troppo diversa rispetto agli spiriti degli antenati che si impossessavano dei giovani durante le cerimonie di inizio estate, gli emissari bianchi qui nella città di pietra erano ossessionati dal poter indossare abiti e simboli che fornivano loro più controllo sui propri simili e sui fedeli, era tempo che Issa tornasse dallo stregone per l'ultima volta.

Sorvolando il continente da cui proveniva Issa capì quanto avrebbe voluto che la sua gente potesse vivere una vita con maggiori opportunità.

Lo stregone accolse Issa invitandolo a sedersi nella sua capanna, “ti vedo grande e venerato”, esordì il vecchio “sono sempre il ragazzo che tirava sassi e fabbricava le lance da usare contro i ladri di
capre” rispose sorridendo il giovane, il vecchio rise, “Issa ora ti insegnerò qualcosa che è più antico dell'uomo stesso, la magia che ti permetterà di condurre una guerra per i tuoi scopi e per quelli del nuovo dio, ma che servirà soprattutto a non far sparire questa fonte di potere, questo sarà un segreto fra noi ed il nostro popolo".
Issa apprese molto in fretta l'antica arte di evocare le anime soggiogate dalla forza e dall'ubbidienza ad una magia antica e potente.

 Poco prima che lo stregone morisse fra le sue braccia un mese esatto dal suo ritorno fra la propria gente, il giovane capì di possedere il sapere del vecchio che gli sarebbe stato accanto
  ancora un po' come essere incorporeo, ma saggio ed amico.


EPILOGO
Issa scese dall'auto nera e lucida davanti al grande portone di legno, due funzionari lo accolsero ossequiosamente “il primo l'attende, ha bisogno dei suoi consigli”, non era più né un ragazzo né un giovane, aveva i capelli bianchi e portava una veste sgargiante, ma sapeva che il momento era arrivato, l'esercito
delle anime che a lungo aveva evocato e tenuto sotto il proprio controllo assoluto sarebbe sceso in campo nel nome del suo popolo.
“Prescelto, la trovo bene” esordì il Primo, “ho bisogno di una preghiera speciale per un grosso problema”, “se possiamo parlarne mio Primo, non può essere così grave” rispose Issa con un largo sorriso.....

PS mi scuso ancora per i numerosi errori di battitura della prima stesura.














Nessun commento:

Posta un commento